Conduzione Ossea: la nuova tecnologia per Ascoltare la Musica, ecco come funziona

Negli ultimi mesi si sente parlare sempre più spesso di cuffie per ascoltare musica a conduzione ossea, un nome che può mettere un pò paura, in realtà si tratta di una nuova tecnologia per ascoltare la musica in maniera completamente differente da come siamo sempre stati abituati, in questo articolo andremo a vedere che cos’è questa nuova tecnologia e come funziona nel dettaglio andando ad analizzare anche i vantaggi e gli svantaggi.

Conduzione ossea, che cos’è e come funziona

Il nostro sistema uditivo come tutti sapranno è composto del nostro orecchio il quale è suddiviso in tre parti esterno, medio e interno, ognuno delle parti svolge una sua precisa funzione in termini di ascolto.

La parte esterna dell’orecchio è formata dal padiglione auricolare la cui funzione è quella di raccogliere i suoni per convogliarli all’interno del condotto uditivo.

L’orecchio medio ha il compito di amplificare il suono che percepiamo fino a 20 volte e lo convoglia all’orecchio interno, qui le onde del suono colpiscono il timpano mettendolo in vibrazione.

Le vibrazioni prodotte sul timpano arrivano fino alla catena degli ossicini, formata dal martello, incudine e staffa.

La conversione in impulsi nervosi delle vibrazione del suono avviene nell’orecchio interno, grazie alla coclea.

Questo è il nostro sistema uditivo e il modo in cui percepiamo i suoni compresa la musica che ascoltiamo attraverso casse, cuffie e auricolari.

Con la conduzione ossea questo processo avviene in maniera del tutto differente, la vibrazione salta il nostro timpano ed arriva direttamente all’interno del canale uditivo medio, successivamente raggiunge la chiocciola, qui il suono viene direttamente trasformato in un impulso nervoso.

Siamo di fronte ad un sistema di ascolto della musica molto differente rispetto a quello che abbiamo sempre conosciuto e che ad oggi risulta essere ampiamente il più diffuso, è presto per dire se questa nuova tecnologia sostituirà quella attuale, ma come sempre succede quanto si tratta di nuove tecnologie c’è sempre molta curiosità.

Uno dei vantaggi che offre la conduzione ossea è sicuramente la possibilità di ascoltare la musica ed al tempo stesso poter ascoltare anche sui provenienti dall’ambiente che ci circonda, cosa impossibile quando invece si ascolta la musica attraverso cuffie o auricolari.

Non sono rari infatti, incidenti in cui sono coinvolti giovani che usano proprio le cuffie non rendendosi conto di quello che succede intorno a loro.

Conduzione ossea, come funziona

Per quanto possa sembrare difficile il concetto alla base del funzionamento della conduzione ossea, di base è abbastanza semplice, in quanto anche le ossa della nostra testa, cioè il cranio, fanno da conduzione per il suo, principio per cui possiamo sentire la nostra voce quando parliamo.

Questa nuovo modo di ascoltare la musica sfrutta proprio la proprietà delle ossa del nostro viso di trasmettere le vibrazioni sonore, ad oggi i dispositivi maggiormente diffusi che sfruttano questa tecnologia sono le cuffie e gli auricolari che presentano normalmente un archetto che si fissa dietro la testa che li rendono molto stabili anche durante le attività sportive.

All’estremità di questi dispositivi è presente una specie di placca che si posiziona tra mascella e mandibola. Questa precisa posizione serve a garantire che la vibrazione sia effettivamente trasmessa correttamente all’interno del sistema uditivo.

Una tecnologia che permette di creare anche auricolari più semplici e leggeri da usare per ascoltare la musica, anche mentre si fa sport o per gestire le chiamate.

Come abbiamo visto in precedenza questi accessori che sfruttano questa nuova tecnologia portano con sè svantaggi e vantaggi, abbiamo già detto quali sono i vantaggi, mentre i contro c’è sicuramente la qualità sonora che, rispetto alla tecnologia e dispositivi attuale, è molto inferiore, poichè la conduzione ossea non sfrutta l’effetto della cassa di risonanza dell’orecchio esterno.